domenica 5 gennaio 2014

Quiche al salmone...e la ricetta che mi ha reso (quasi) famosa



Dopo questa, anche la ricetta di oggi prevede l'uso del salmone affumicato.
Credo che in questo periodo di feste, tutti ce ne ritroviamo almeno una confezione in frigo e, se avete voglia di sperimentare una quiche dal gusto insolito, ho proprio l'idea giusta per voi.

A questa ricetta tengo particolarmente perché, due anni or sono, mi ha portato un pizzico di notorietà essendo stata selezionata per esser pubblicata sul libro "Cotto e mangiato, le ricette dei fan".
 
Si tratta di un libro molto carino, contenente oltre alle ricette, anche il nome, la foto e qualche info sull'autore, dando quel giusto riconoscimento a chi ha voluto proporre un proprio piatto e quindi mettersi in gioco.
 
E' stato davvero divertente ricevere telefonate e messaggini da parte di chi, sfogliando il libro, magari distrattamente, si ritrova la tua foto davanti, come è successo alla mia amica Rossella di Milano, oppure da chi ti rintraccia su facebook, senza conoscerti, solo per dirti che ha provato la tua ricetta e si complimenta perché è piaciuta a tutti i suoi commensali.

Ora, dopo questa lunga premessa, eccoci alla ricetta.

INGREDIENTI:

un disco di pasta sfoglia
100 g. di salmone affumicato
3 uova
200 ml. di panna fresca
100 g. di formaggio Brie
50 g. di formaggio gruyére grattugiato
sale e pepe q.b.

PREPARAZIONE:

Foderate una tortiera con carta forno, posizionatevi la pasta sfoglia e, con i rebbi di una forchetta, bucherellatene il fondo.
Adagiatevi il salmone tagliato in piccoli pezzi e il brie ridotto anch'esso a pezzetti.
Intanto preriscaldate il forno a 180°.
In una terrina battete le uova con la panna, un pizzico di sale e una spolverata di pepe.
Versate questo composto nella tortiera, spolverate con il formaggio gruyére e infornate per 30 minuti o comunque fino a quando la quiche risulterà ben dorata.
Servite preferibilmente tiepida.

 
 
 
                Se dovesse capitarvi tra le mani il libro, mi trovate a pagina 16.                                             
 



Posta un commento